Università Popolare di Palermo è la tua scuola di lingua  siciliana.

Tra le lingue riconosciute l’UNESCO indica anche la lingua siciliana e adopera  siciliano come sinonimo di quelli che nella tradizione della dialettologia italiana sono definiti dialetti meridionali estremi.

La lingua siciliana, oltre ad avere contribuito in maniera determinante alla nascita della lingua italiana,  è stata la “lingua della Sicilia” per molti secoli.

Partendo dalla Sicilia  la lingua siciliana nel Basso Medioevo si impone dapprima nella Calabria meridionale, in gran parte ellenofona, e poi nel Salento.

Molti dialetti calabresi, ad esempio quello reggino, sono più affini al messinese che non ai dialetti della Calabria settentrionale  e il salentino è tipologicamente un dialetto della lingua siciliana, anche se recentemente l’Atlas dell’UNESCO – aggiornando la descrizione del siciliano – riporta che: Salentino may be regarded as a variety separate from Sicilian (“Il salentino può essere considerato una varietà separata dal siciliano”).

Il siciliano è una lingua parlata ma non ha avuto, purtroppo, una codificazione della sua scrittura, per cui vi sono molte libere trascrizioni.
Nel nostro corso vi faremo scoprire  la lingua siciliana parlata e la sua corretta scrittura, secondo la nostra ipotesi, sulla base delle forme scritte nei testi della nostra lingua.

 

INGRESSO E ATTIVITÁ RISERVATE AI SOCI DELL’UNIVERSITA’ POPOLARE DI PALERMO.
Corso istituzionale con il contributo standard di € 20. In tutti i corsi istituzionali il nome del docente verrà indicato in sede di convocazione dei partecipanti. Si cercherà, comunque, di designare gli stessi docenti dell’anno precedente.
Il corso verrà attivato con minimo 6 partecipanti.
Il corso si avvierà dal 23 ottobre 2017 (o in data successiva che verrà comunicata per e.mail ai partecipanti) e si chiuderà entro il 30 maggio 2018.
Giorno:    lunedì 09.30/11.00   Il giorno e l’ora delle lezioni potrebbero subire variazioni.
Sede:        Via Parrini 14a – Palermo (angolo Via Brunelleschi)